Piemonte - Legge 3/22 - articolo 2: Inserimento dell'art. 3-bis nella legge regionale n. 10/2017

  Articolo 2 - Inserimento dell'art. 3-bis nella legge regionale n. 10/2017

(Regione Piemonte - Legge regionale n. 3, 28 marzo 2022)

1. Dopo l'art. 3 della legge regionale n. 10/2017 č inserito il seguente articolo:

«Art. 3-bis (Centro di riferimento regionale sull'endometriosi). - 1. E' istituito, presso la direzione regionale competente in materia di sanitą e welfare, il Centro di riferimento regionale sull'endometriosi, di seguito indicato come Centro.

2. Il Centro č costituito con determinazione dirigenziale del direttore della direzione regionale competente in materia di sanitą e welfare che ne definisce la composizione, le modalitą di individuazione dei componenti e il funzionamento.

3. Il Centro ha le seguenti funzioni:

a) definisce i percorsi clinico-assistenziali per la gestione delle pazienti affette da endometriosi;

b) coordina i centri di prevenzione, diagnosi e trattamento dell'endometriosi;

c) coordina le attivitą di formazione di cui all'art. 5, nonchč le attivitą di formazione rivolte ai medici di medicina generale;

d) effettua il monitoraggio epidemiologico sulla base dei dati disponibili;

e) predispone, a partire dalle linee guida di riferimento, il percorso di salute e diagnostico-terapeutico multidisciplinare per la gestione delle pazienti affette da endometriosi e supporta la sua implementazione a livello regionale;

f) individua le azioni e le iniziative per la prevenzione delle complicanze dell'endometriosi.

4. Il Centro svolge le proprie funzioni in osservanza degli indirizzi dell'osservatorio di cui all'art. 3.

5. La partecipazione ai lavori del Centro č a titolo gratuito e non comporta il riconoscimento di compensi, gettoni di presenza o rimborsi spese.

6. Le funzioni di segreteria del Centro sono assicurate da personale della direzione regionale competente in materia di sanitą e welfare.

7. Le funzioni di coordinamento e di raccordo del Centro con i diversi livelli istituzionali sono assicurate nell'ambito della direzione regionale competente in materia di sanitą e welfare.».


articolo precedente // articolo successivo