Toscana - Legge 51/09 - articolo 40: La Commissione regionale per la qualità e la sicurezza

  Articolo 40 - La Commissione regionale per la qualità e la sicurezza

(Regione Toscana - legge n° 51, 5 agosto 2009)

1. Ai sensi dell'art. 92 della legge regionale n. 40/2005, il Consiglio sanitario regionale costituisce una commissione permanente denominata «Commissione regionale per la qualità e la sicurezza».
(modificato dall'articolo 20, comma 1, della legge regionale 50/16 - ndr)

2. La Commissione di cui al comma 1, svolge funzioni tecnico-scientifiche, consultive e di tutela e garanzia di equità ed in particolare:

a) svolge una funzione di consulenza alla Regione in materia di qualità e sicurezza in ambito sanitario;

b) esprime parere sui requisiti e gli indicatori per i vari livelli del sistema di valutazione disciplinati dal regolamento di cui all'art. 48;
(modificata dall'articolo 20, comma 2, della legge regionale 50/16 - ndr)

(vedi modifica introdotta dall'articolo 20, comma 3, della legge regionale 50/16 - ndr)

c) formula proposte alla Regione per lo svolgimento delle funzioni di controllo e per indirizzare le attività del gruppo regionale di valutazione, da cui acquisisce le risultanze delle attività di verifica;
(modificato dall'articolo 20, comma 4, della legge regionale 50/16 - ndr)

d) promuove le azioni formative nelle materie oggetto della presente legge;

e) esprime parere ai fini dell'accreditamento di eccellenza;

f) promuove, attraverso gli organismi regionali del governo clinico, il coordinamento interaziendale delle iniziative in materia di qualità e sicurezza delle cure, al fine di garantire livelli omogenei nell'ambito del servizio sanitario regionale;

g) redige annualmente una relazione sull'attività svolta e le iniziative assunte e sulle risultanze della funzione di verifica assicurata dal sistema di controllo regionale.

3. Il Consiglio sanitario regionale assicura che, nell'ambito della Commissione di cui al comma 1, sia garantita la presenza degli esperti regionali in materia di qualità, di gestione del rischio clinico e di valutazione delle performance del sistema sanitario regionale e degli esperti designati dai produttori privati e pubblici, tenendo conto dei vari livelli e complessità delle strutture sanitarie.
(modificato dall'articolo 20, comma 5, della legge regionale 50/16 - ndr)

4. Per il suo funzionamento, la Commissione di cui al comma 1, si avvale della struttura tecnico operativa del competente settore regionale, che provvede allo svolgimento delle attività necessarie per l'espletamento dei compiti attribuiti alla Commissione dalla presente legge.

(vedi modifiche introdotte dall'articolo 20, comma 6, della legge regionale 50/16,  dall'articolo 21 della stessa legge regionale 50/16 e dall'articolo 22 della stessa legge regionale 50/16 - ndr)


articolo precedente // articolo successivo