Liguria - Legge 41/06 - articolo 87: Norma transitoria

Articolo 87 - Norma transitoria

(Regione Liguria - legge n° 41, 7 dicembre 2006)

1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge la giunta regionale:

a) entro sessanta giorni approva la direttiva vincolante di cui all'Art. 8, comma 2;

b) entro novanta giorni propone al Consiglio regionale l'approvazione del Piano Socio Sanitario regionale di cui all'Art. 5;

c) entro trenta giorni approva le linee guida per l'adozione del regolamento di funzionamento della Conferenza dei sindaci e del Comitato di rappresentanza, compresi nell'ambito territoriale di ciascuna Azienda sanitaria locale, e fissa i criteri per la nomina del Comitato di rappresentanza stesso di cui all'Art. 15;

d) entro novanta giorni approva la direttiva vincolante inerente il Consiglio dei sanitari di cui all'Art. 24;

e) entro novanta giorni fissa i principi inerenti l'aggiornamento alle disposizioni della presente legge degli atti di autonomia aziendale di cui all'Art. 25;

f) entro centoventi giorni definisce l'ambito delle attività attribuite al Distretto, le modalità di esercizio, fasi e tempi di avvio ai sensi dell'Art. 33, comma 3;

g) entro novanta giorni approva le direttive di cui all'Art. 39, comma 5, lettera a) per l'istituzione o la soppressione di dipartimenti di interesse regionale;

h) entro centoventi giorni approva le direttive per fissare i criteri operativi ed organizzativi per l'istituzione ed il funzionamento dei dipartimenti gestionali interaziendali di cui all'Art. 39, comma 5, lettera b);

i) entro trenta giorni approva la direttiva vincolante di cui all'Art. 48 comma 3;

j) entro un anno adegua ai contenuti della presente legge le convenzioni in essere con l'Ospedale Galliera e con l'Ospedale Evangelico Internazionale di cui all'Art. 51;

k) entro centoventi giorni istituisce la Consulta regionale di cui all'Art. 76 e ne definisce le modalità di funzionamento;

l) entro centoventi giorni nomina il Comitato etico, di cui all'Art. 77. A far data dalla nomina cessano di operare i comitati etici costituiti presso le strutture del servizio sanitario regionale.

2. A far data dalla entrata in vigore della presente legge i direttori generali delle Aziende sanitarie:

a) entro sessanta giorni approvano l'atto regolamentare di cui all'Art. 49 ed individuano gli spazi sostitutivi, fino alla realizzazione delle strutture e degli spazi interni, ove può essere effettuata la libera professione. Tali spazi sono individuati prioritariamente presso altre strutture pubbliche e, in subordine, presso strutture private non accreditate, con le quali stipulare apposite convenzioni;

b) entro novanta giorni dall'approvazione da parte della giunta regionale del provvedimento di cui al comma 1, lettera d), approvano l'aggiornamento degli atti di autonomia aziendale in conformità alla presente legge.

3. I direttori generali delle Aziende sanitarie, i direttori amministrativi ed i direttori sanitari in carica alla data di entrata in vigore della presente legge portano a compimento i relativi incarichi secondo le disposizioni dei relativi contratti di affidamento.

4. Sino all'approvazione degli aggiornamenti degli atti di autonomia aziendale di cui all'Art. 25 è fatta salva l'organizzazione aziendale in essere.

5. Entro otto mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge i componenti dei collegi sindacali che, a seguito dell'entrata in vigore dell'Art. 20, abbiano perso il requisito della compatibilità, scelgono tra le diverse cariche.

(vedi modifica introdotta dall'articolo 22 della legge regionale 57/09 - ndr)


articolo precedente // articolo successivo