Lazio - Regolamento 11/05 - articolo 3: Concessione di contributi

Articolo 3 - Concessione di contributi

(Regione Lazio - regolamento n° 11, 18 aprile 2005)

1. La Regione concede contributi per incentivare le attività di cui all'Art. 1, comma 1, lettera b), quando i relativi progetti vertono su una o più delle seguenti aree tematiche e su una o più delle seguenti aree di ricerca.

2. Le aree tematiche rilevanti sono:

a) sanità pubblica, con particolare attenzione alla diagnosi, prevenzione e terapia delle malattie cardiache e vascolari, neoplastiche, infettive, degenerative, delle malattie rare nonchè allo sviluppo di farmaci orfani;

b) integrazione della ricerca post-genomica con lo sviluppo di nuovi approcci biomedici e biotecnologici oppure dei diversi approcci multidisciplinari, tecnologici e biologici, per un più efficace trasferimento delle conoscenze derivanti dalla ricerca di base e preclinica in applicazioni cliniche;

c) utilizzo o sviluppo di piattaforme tecnologiche innovative che permettano la definizione di medotologie e approcci più rapidi ed efficaci nel campo della diagnosi, prevenzione e terapia delle patologie di particolare interesse nel piano sanitario nazionale.

3. Le aree di ricerca che i progetti devono perseguire sono:

a) sviluppo di nuovi farmaci o vaccini attraverso approcci innovativi, inclusi gli approcci di farmaco-genomica, terapia genica e bioterapia, in grado di prevenire e/o curare malattie;

b) sviluppo di nuovi approcci terapeutici da utilizzarsi anche in associazione a terapie convenzionali per un miglioramento del risultato clinico;

c) sviluppo di metodologie e strategie diagnostiche per la prevenzione del rischio di malattia;

d) nuovi approcci per l'identificazione di marcatori molecolari e/o profili genomici e/o proteomici per la diagnosi e la prognosi delle malattie e per la previsione della risposta terapeutica, in particolare in ambito oncologico;

e) sviluppo anticorpi monoclonali umanizzati attraverso le tecniche dell'ingegneria genetica utilizzati per la diagnosi o la terapia dei tumori;

f) sviluppo di nuovi vettori e nuove strategie di terapia genica;

g) sviluppo di strategie preventive e terapeutiche innovative per la modulazione e il monitoraggio della risposta immunitaria di tipo anticorpale e/o cellulare mediata;

h) sviluppo di protocolli clinici innovativi basati sulla tipizzazione molecolare allo scopo di valutare l'efficacia e/o la durata del trattamento;

i) altre aree di ricerca che rispettino i presupposti di innovatività e di trasferibilità.

4. Relativamente ai protocolli clinici ed alla loro configurabilità come attività di ricerca e sviluppo, si tiene conto di quanto convenuto al paragrafo 130 del Manuale di Frascati, pubblicato nel 2002 dall'organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.


articolo precedente // articolo successivo