Toscana - Legge 39/02 - articolo 3: Limiti

Articolo 3 - Limiti

(Regione Toscana - legge n░ 39, 28 ottobre 2002)

1. Nel sistema sanitario regionale della Toscana la terapia elettroconvulsivante (TEC) pu˛ essere praticata solo quando il paziente esprime un consenso libero, consapevole, attuale e manifesto. A tal fine occorre che lo psichiatria (vedi errata-corrige - ndr) interessato fornisca, sia oralmente che in forma scritta, esaurienti informazioni, oltre che sui vantaggi attesi, in ordine agli effetti collaterali eventuali, ai possibili trattamenti alternativi e alle loro modalitÓ di applicazione. L'assenso del paziente deve essere scritto e allegato alla cartella clinica e va ripetuto ad ogni applicazione. Nei casi in cui esista una limitazione della capacitÓ del paziente nel comprendere l'informazione e nell'esprimere il consenso, su istanza del medico curante si applica la vigente normativa civilistica sulla capacitÓ di agire delle persone.

2. Di norma nel sistema sanitario regionale della Toscana non si ricorre all'utilizzo della TEC sui minori, sugli anziani oltre il sessantacinquesimo anno di etÓ e sulle donne in stato di gravidanza, se non in caso di eccezionale e comprovata necessitÓ medica, su espressa richiesta e autorizzazione dei familiari diretti del paziente nel caso dei minori, ovvero dal paziente stesso negli altri casi e secondo le modalitÓ indicate al comma 1, sempre e comunque salvaguardando la tutela della vita, della salute e della piena dignitÓ del paziente.
(vedi ricorso del Presidente del consiglio dei ministri 11.01.03 - ndr)

3. Nel sistema sanitario regionale della Toscana non si utilizzano la lobotomia prefrontale e transorbitale ed altri simili interventi di psicochirurgia.
(vedi ricorso del Presidente del consiglio dei ministri 11.01.03 - ndr)

4. Apposite linee guida sull'utilizzo della TEC e sulle procedure relative al consenso e all'autorizzazione sono adottate dalla giunta regionale, su conforme indicazione della ComunitÓ scientifica toscana e acquisito il parere della commissione regionale di bioetica, entro sei mesi dall'entrata in vigore della legge.
(vedi ricorso del Presidente del consiglio dei ministri 11.01.03 - ndr)


articolo precedente // articolo successivo