Campania - Legge 10/02 - articolo 21: Il comitato di partecipazione

Articolo 21 - Il comitato di partecipazione

(Regione Campania - legge n° 10, 11 luglio 2002)

1. Le aziende sanitarie locali, su proposta delle associazioni di tutela dei diritti del cittadino e del volontariato presenti nell'ambito territoriale aziendale e d'intesa con le medesime, istituiscono il comitato di partecipazione per la verifica ed il controllo, del funzionamento delle strutture e dei servizi sanitari e socio-sanitari, ai sensi del decreto legislativo n. 502/1992, Art. 14, e successive modifiche ed integrazioni, e ne disciplinano il funzionamento.

2. Il comitato di partecipazione dell'Azienda sanitaria locale esercita le sue funzioni anche nei confronti dell'azienda o delle aziende ospedaliere indicate nel territorio. In tali casi, la costituzione ed il regolamento del comitato sono definiti d'intesa anche con l'azienda ospedaliera o con le aziende ospedaliere interessate.

3. Il comitato di partecipazione ha funzione consultiva e presenta istanze e proposte; esso riceve la documentazione relativa al funzionamento dei servizi e delle strutture, secondo le procedure definite nel regolamento e collabora con le aziende sanitarie per l'individuazione delle modalitą di raccolta e di analisi dei segnali di disservizio.

4. I componenti del comitato di partecipazione non hanno diritto ad alcun compenso, salvo il rimborso di eventuali spese giustificate e documentate.

5. Il comitato ha diritto ad un budget, definito sulla base del progranma annuale di attivitą dal direttore generale dell'azienda sanitaria locale, d'intesa con l'azienda o le aziende ospedaliere che insistono nell'ambito territoriale e che concorrono alla spesa.

6. Il direttore generale dell'Azienda sanitaria locale mette a disposizione del comitato una sede con la strumentazione necessaria minima.


articolo precedente // articolo successivo