Campania - Legge 10/02 - articolo 14: Formazione, qualitą e ricerca

Articolo 14 - Formazione, qualitą e ricerca

(Regione Campania - legge n° 10, 11 luglio 2002)

1. Il sostegno ai processi di innovazione ed alle azioni di adeguamento ai mutamenti determinati dalla evoluzione della domanda sanitaria e dalle conoscenze scientifiche e tecnologiche si realizza attraverso:

  1. la formazione specifica e continua degli operatori sanitari;

  2. la promozione della qualitą;

  3. la valorizzazione delle risorse umane.

2. I percorsi e le azioni formative, a livello aziendale, sono elaborati in coerenza con gli obiettivi nazionali e regionali. In particolare:

  1. si fondano su adeguate analisi relative al bisogno formativo delle diverse figure professionali;

  2. riproducono in sede formativa le radici dei problemi e coinvolgono le responsabilitą professionali chiamate a risolverli;

  3. contengono parametri indicatori capaci di verificare nel tempo l'effettiva traduzione operativa di quanto offerto;

  4. si rivolgono congiuntamente a tutti i destinatari interessati se i cambiamenti ed i risultati attesi dalla formazione riguardano problemi complessi ed aree organiche di servizio.

3. Per le finalitą di cui al comma 2, le aziende sanitarie vincolano annualmente l'uno per cento del monte salari a sostegno delle iniziative di formazione ed aggiornamento degli operatori sanitari.

4. La qualitą dell'assistenza nei confronti della generalitą dei cittadini č assicurata da parte delle aziende sanitarie attraverso:

  1. la definizione della missione aziendale e della politica della qualitą dell'azienda - piano qualitą aziendale - coerenti con i programmi regionali;

  2. l'istituzione di strutture, staff, comitati, commissioni, uffici e servizi, con particolari responsabilitą nella programmazione delle attivitą di miglioramento della qualitą;

  3. l'offerta di interventi formativi a tutti gli operatori dell'Azienda sanitaria sul miglioramento della qualitą;

  4. l'individuazione di adeguate risorse umane, tecnologiche ed economiche per il miglioramento della qualitą.

5. La gestione delle risorse umane nelle aziende sanitarie, quale elemento strategico che influisca direttamente sulla quantitą e qualitą dell'assistenza, č orientato:

  1. al superamento delle visioni settoriali, centrate su interessi particolari di singoli profili professionali;

  2. alla responsabilizzazione individuale e di gruppo, nel caso di prestazioni integrate;

  3. alla flessibilitą dell'impiego;

  4. all'utilizzo di sistemi premianti.

6. Per il raggiungimento degli obiettivi elencati nel comma 5, le aziende sanitarie si attengono ai principi ed ai criteri direttivi emanati dalla giunta regionale con il provvedimento di cui all'Art. 9, comma 5.

7. E' istituita la commissione regionale per la ricerca sanitaria, con il compito di formulare proposte per la programmazione, il coordinamento e la valutazione degli interventi nel campo della ricerca finalizzata biomedica e di quella finalizzata al miglioramento dei servizi sanitari, composta da:

  1. un dirigente dell'area generale di coordinamento Piano sanitario regionale dell'assessorato alla sanitą;

  2. un dirigente dell'area generale di coordinamento - assistenza sanitaria - dell'assessorato alla sanitą;

  3. il direttore generale dell'agenzia regionale sanitaria -ARSAN;

  4. il direttore generale dell'agenzia regionale per la protezione ambiente Campania ARPAC;

  5. un rappresentante designato dalla facoltą di medicina dell'Universitą Federico II di Napoli;

  6. un rappresentante designato dalla facoltą di medicina della II Universitą di Napoli;

  7. un rappresentante designato dall'Istituto superiore di sanitą;

  8. sei esperti di cui tre designati dall'assessore regionale alla sanitą e tre dal presidente della quinta commissione consiliare.

La costituzione della commissione di cui al comma 7 e le sue modalitą di funzionamento sono definite dalla giunta regionale entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge.


articolo precedente // articolo successivo