Campania - Legge 10/02 - articolo 12: Governo e controllo della spesa

Articolo 12 - Governo e controllo della spesa

(Regione Campania - legge n° 10, 11 luglio 2002)

1. Al fine di assicurare i livelli essenziali ed uniformi di assistenza, le aziende sanitarie improntano le attività di competenza, sia in quanto produttrici dirette di assistenza, sia in quanto acquirenti di prestazioni erogate da soggetti terzi accreditati, al principio della esclusiva finalizzazione, nell'utilizzo delle risorse, al perseguimento degli obiettivi del Piano sanitario regionale.

2. Le finalità di cui al comma 1 sono perseguite con interventi rivolti a:

  1. eliminare duplicazioni strutturali ed organizzative nell'area dei servizi e delle attività di supporto, al fine di rendere effettivamente alternativo l'affidamento a terzi;

  2. dimensionare la capacità produttiva in funzione dell'effettivo livello di domanda prevedibile, a seguito della definizione del piano annuale delle prestazioni e degli accordi contrattuali, di cui al decreto legislativo n. 502/1992, art. 8-quinquies, così come introdotto dal decreto legislativo n. 229/1999, art 8;

  3. eliminare fenomeni di auto domanda, sia nell'area delle attività assistenziali, sia in quella delle attività connesse all'esercizio di funzioni a rilevanza pubblicistica;

  4. individuare, con obbligo di rendicontazione separata e verifica di risultato, le risorse da destinare al miglioramento qualitativo dell'assistenza erogata dai presidi a gestione diretta;

  5. realizzare, sulla base di criteri e direttive emanate dalla giunta regionale, un sistema di monitoraggio delle prestazioni sanitarie e socio-sanitarie erogate in modo da garantirne l'efficacia e l'appropriatezza;

  6. attivare modalità nella gestione degli acquisti di beni e servizi secondo i principi e criteri, definiti dalla giunta regienale con il provvedimento di cui all'Art. 9, comma 5;

  7. coordinare la razionalizzazzione delle risorse umane nelle aziende ospedaliere, con la realizzazione dei dipartimenti.

3. La giunta regionale, al fine di garantire il raggiungimento delle finalità di cui al comma 1:

  1. definisce una politica tariffaria funzionale alla promozione di quelle prestazioni ed attività che, per efficacia assistenziale e costo, massimizzino il perseguimento degli obiettivi di salute del piano sanitario regionale, compatibilmente con le risorse finanziarie disponibili;

  2. adotta un sistema tariffario di remunerazione secondo le tipologie di struttura e di attività definite in sede di accreditamento istituzionale, ai sensi del decreto legislativo n. 502/1992, Art. 8-quater, così come introdotto dal decreto legislativo n. 229/1999, Art. 8, ferme restando le competenze dello Stato in materia di determinazione dei costi standard di produzione e delle tariffe massime applicabili per le prestazioni assistenziali;

  3. emana criteri e direttive per la realizzazione del sistema di monitoraggio di cui al comma 2, lettera e);

  4. attiva modalità e procedure nella gestione degli acquisti di beni e servizi secondo i principi ed i criteri, definiti con l'atto di cui all'Art. 9, comma 5.

4. Le aziende sanitarie si dotano, in coerenza con il quadro normativo nazionale, di adeguati strumenti di controllo finalizzati a:

  1. garantire la legittimità, regolarità e correttezza dell'azione amministrativa controllo di regolarità amministrativa e contabile;

  2. verificare l'efficacia, efficienza ed economicità dell'azione amministrativa al fine di ottimizzare, anche mediante tempestivi interventi di correzione, il rapporto tra costi e risultati controllo di gestione;

  3. valutare le prestazioni del personale con qualifica dirigenziale valutazione della dirigenza;

  4. valutare l'adeguatezza delle scelte compiute in sede di attuazione dei piani, dei programmi e degli altri strumenti di determinazione dell'indirizzo politico, in termini di congruenza tra risultati conseguiti e obiettivi predefiniti, valutazione e controllo strategico;

  5. rilevare la conformità e la finalizzazione dei comportamenti dei soggetti che, ad ogni titolo, esercitano funzioni o erogano prestazioni nell'ambito del Servizio sanitario, al perseguimento degli obiettivi fissati dal Piano sanitario regionale, controllo esterno.


articolo precedente // articolo successivo