Ordinanza PCM-DPC 19.03.20 - articolo 3: Disposizioni in materia di servizi di comunicazione elettronica

  Articolo 3 - Disposizioni in materia di servizi di comunicazione elettronica

(Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile, 19 marzo 2020)

1. Al fine di poter garantire la piena funzionalitą dei servizi di comunicazione elettronica su tutto il territorio nazionale, a supporto delle iniziative volte a contrastare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica le imprese autorizzate a fornire reti e servizi di comunicazione elettronica, ai sensi del decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, sono tenute a:

a) garantire, sul territorio nazionale, la pił ampia disponibilitą di servizi a banda larga e ultra larga, idonea ad assicurare in forma generalizzata la fruibilitą delle applicazioni per il lavoro agile, al fine di ridurre la mobilitą sul territorio dei cittadini lavoratori, in coerenza con quanto stabilito dal decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6 e relative disposizioni attuative;

b) soddisfare prioritariamente, anche rispetto a contratti gią stipulati, le richieste di connettivitą ed erogazione e implementazione dei servizi provenienti dalle strutture ospedaliere o qualunque altro organismo od ente coinvolto nelle suddette azioni di contrasto;

c) adottare le misure necessarie per garantire la continuitą dei servizi di comunicazione elettronica e l'accesso ininterrotto ai servizi di emergenza, come previsto dall'art. 73 del suddetto decreto legislativo n. 259 del 2003;

d) soddisfare prioritariamente le richieste di attivazioni di nuovi servizi a banda larga e ultra larga dando prioritą agli interventi nelle zone ove non sia gią disponibile un servizio di comunicazione elettronica di tale tipologia.

La presente ordinanza sarą pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.


articolo precedente