DMS 08.07.14 - allegato A

  Allegato A

(Decreto del Ministero della Salute n. 137, 8 luglio 2014)

"Allegato A (Art.1,comma 1 del Regolamento)"

Accordo Collettivo Nazionale recante "Attuazione della norma transitoria n. 1 dell'A.C.N. per la disciplina dei rapporti tra il Ministero della salute, i medici ambulatoriali, specialisti e generici e le altre professionalitā sanitarie - biologi, chimici e psicologi - operanti negli ambulatori direttamente gestiti dal Ministero della salute per l'assistenza sanitaria e medico legale al personale navigante, marittimo e dell'aviazione civile. Validitā 2006-2009" reso esecutivo con d.m. 3 ottobre 2012, n. 202.

 

Art. 1.

1. Il presente Accordo Collettivo Nazionale, in attuazione di quanto disposto dalla norma transitoria n.1 dell'A.C.N. reso esecutivo con D.M. 3 ottobre 2012, n. 202, disciplina l'incremento della quota variabile spettante per le attivitā di cui all'articolo 19, comma 1, dell'A.C.N. reso esecutivo con il D.M. 3 marzo 2009, n. 63.

Art. 2.

1. A decorrere dal 1° gennaio 2010 tenuto conto del maggiore impegno richiesto ai medici ambulatoriali, specialisti e generici e alle altre professionalitā sanitarie - biologi, chimici e psicologi - operanti negli ambulatori SASN, per le attivitā di cui all'articolo 19, comma 1 succitato, per:

a) il potenziamento e lo sviluppo del processo di informatizzazione dell'attivitā svolta;

b) l'incremento degli assistiti per effetto della tendenziale riduzione del numero dei medici fiduciari operanti sul territorio;

c) l'adeguamento delle procedure amministrativo-sanitarie alle direttive del Ministero della salute;

d) i maggiori oneri derivanti dall'attivitā di controllo medico-legale svolta dall'INAIL ex IPSEMA;

il personale predetto partecipa al riparto del fondo per la ponderazione qualitativa delle quote orarie mediante attribuzione di una quota finalizzata a remunerare il progressivo miglioramento delle prestazioni legate al servizio di assistenza sanitaria al personale navigante.

2. Per le finalitā e con la decorrenza di cui al comma 1, la quota variabile prevista dall'articolo 20 parte B, punto B.1. dell'A.C.N. reso esecutivo con D.M. 3 ottobre 2012, n. 202 č incrementata di € 0,46 per ora d'incarico e la quota variabile prevista dall'articolo 49, comma 1, lettera B.1., del medesimo ACN č incrementata di € 0,33 per ora d'incarico.

3. A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente Accordo la violazione degli obblighi connessi alle attivitā di cui al comma 1, ed in particolare:

a) il mancato aggiornamento dei dati sul sistema NSIASN;

b) l'inosservanza delle direttive del Ministero della salute, ed in particolare di quelle adottate nel rispetto delle norme cd. anticorruzione;

c) la mancata collaborazione con l'ufficio SASN nell'ambito dell'attivitā di controllo medico-legale esercitata dall'INAIL ex IPSEMA;

comporterā, ferma restando l'eventuale applicazione di sanzioni disciplinari previste dall'ACN di riferimento, la mancata corresponsione dell'incremento della quota variabile di cui al comma 2 per 3 mensilitā.

Art. 3.

1. Gli oneri derivanti dal presente Accordo sono pari a 254.250 euro e sono compresi nell'ambito di quelli giā determinati dall'articolo 53 dell'A.C.N. reso esecutivo con D.M. 3 ottobre 2012, n. 202.

 

Roma, 23 aprile 2013

Per il Ministero della salute ---------------------------------------------------

Per i rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali
SUMAI ---------------------------------------------
SNUBCI- UIL ---------------------------------------