DPR 23.05.03 - allegato - PSN 03-05: 3.2.5 I Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA)

Allegato

PIANO SANITARIO NAZIONALE 2003-2005

(Decreto del Presidente della Repubblica, 23 maggio 2003)

(indice del PSN)

3.2.5 I Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA)

I Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) in particolare l'anoressia nervosa e la bulimia nervosa, sono malattie mentali che comportano gravi danni somatici, con un rischio di morte dodici volte maggiore di quello dei soggetti normali della stessa etÓ: essi rappresentano un problema socio-sanitario molto importante per tutti i Paesi sviluppati, e quindi anche per l'Italia. A livello internazionale, gli studi di prevalenza, condotti su donne fra i 12 e 25 anni, hanno indicato valori compresi tra 0.2 e 0.8% per l'anoressia nervosa e tra 0.5 e 1.5% per la bulimia nervosa.

L'incidenza dell'anoressia nervosa negli ultimi anni risulta stabilizzata su valori di 4-8 nuovi casi annui per 100.000 abitanti, mentre quella della bulimia nervosa risulta in aumento, ed Ŕ valutata in 9-12 nuovi casi/anno. La maggior parte degli studi Ŕ stata effettuata in paesi anglosassoni e in Italia sono stati rilevati dati sovrapponibili.

Per quanto attiene all'obesitÓ Ŕ oramai dimostrato che nel suo trattamento l'intervento di ordine psico-comportamentale Ŕ fondamentale nel determinare il successo terapeutico, anche se deve essere ribadito che si tratta di una condizione definita su base morfologica ma non ancora adeguatamente inquadrata su base psicopatologica.

Lo studio e la cura della obesitÓ e pi¨ in generale della Sindrome Metabolica, si intrecciano profondamente e indissolubilmente con lo studio e la cura del comportamento alimentare e dei suoi disturbi (anoressia nervosa, bulimia nervosa, binge eating disorder, night eating syndrome, etc.) per quanto suddetto e per almeno tre altri motivi:

per tutte queste patologie nessuna cura Ŕ efficace se non implica un cambiamento profondo del comportamento alimentare e dello stile di vita;

cure inadeguate dell'obesitÓ sono corresponsabili del grande aumento dei disordini alimentari nel mondo contemporaneo;

come la cura dell'obesitÓ, anche quella dei DCA Ŕ multidisciplinare e impone la collaborazione tra internisti, nutrizionisti, psichiatri e psicologi.

Sia per l'obesitÓ che per i disturbi del comportamento alimentare si segnalano la gravissima insufficienza delle strutture sanitarie, l'inadeguatezza della formazione attuale di base e la necessitÓ di un approccio multidimensionale.

La lotta all'obesitÓ ed ai DCA mira a diminuire il numero di persone che si ammalano di questi stati morbosi e ad aumentare, in coloro che ne sono affetti, la probabilitÓ di migliorare o di sopravvivere in condizioni soddisfacenti. Le strategie si possono articolare in aree che hanno caratteristiche e tempi di realizzazione differenti: prevenzione primaria, prevenzione secondaria, assistenza, formazione, ricerca. Queste azioni potranno beneficiare delle informazioni ottenute attraverso gli strumenti epidemiologici, il cui obiettivo prioritario Ŕ quello di:

controllare prevalenza e incidenza della SM, dell'obesitÓ e dei DCA con lo scopo di identificare i casi secondo le categorie previste dall'OMS e valutare il numero di nuovi malati in relazione alla popolazione residente;

individuare i soggetti ad alto rischio per indirizzare con maggiore precisione le politiche di intervento;

valutare l'efficacia degli interventi mediante controlli a distanza di tempo.


precedente // successivo