DPCM 31.05.07

 

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI, 31 MAGGIO 2007
(Gazzetta Ufficiale n. 137 del 15.05.07, pag. 13)

Indizione "La Tre Giorni della Salute"

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400, recante "Disciplina dell'attivitą di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri", ed in particolare, l'art. 5, comma 2, lettera a);

Visto il Piano sanitario nazionale 2006-2008 che individua tra gli obiettivi di interesse prioritario, ai fini della prevenzione e promozione della salute, la promozione di stili di vita sani, quali: il contrasto al tabagismo, la promozione di abitudini non sedentarie, la promozione attiva di corrette abitudini alimentari;

Visto il programma interministeriale "Guadagnare Salute", sottoscritto in data 3 maggio 2007, che in particolare, promuove la realizzazione di iniziative di comunicazione volte ad informare e sensibilizzare i cittadini sui comportamenti alimentari salutari, la lotta al tabagismo, la lotta all'abuso di alcol e la promozione dell'attivitą fisica;

Ritenuta l'opportunitą di realizzare, nell'ambito del programma suddetto, una iniziativa di comunicazione denominata "La Tre Giorni della Salute" da organizzarsi in accordo tra il Ministero della salute, con altre Amministrazioni centrali e con la collaborazione di Enti pubblici territoriali, per promuovere, sul territorio, una serie di eventi volti a sensibilizzare i cittadini sulle scelte di vita salutari;

Su proposta del Ministro della salute;

Emana
la seguente direttiva:

Nei giorni 15, 16, e 17 giugno 2007, si celebrerą l'evento-manifestazione "La Tre Giorni della Salute".

Le Amministrazioni pubbliche e gli organismi coinvolti, si impegnano a promuovere, nell'ambito delle rispettive competenze, attraverso idonee iniziative di sensibilizzazione, l'attenzione e l'informazione per favorire l'adozione da parte dei cittadini di scelte di vita salutari.

La presente direttiva, previa registrazione da parte della Corte dei conti, sarą pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.