DMS 07.03.06 - articolo 11: Corsi a tempo pieno - Incompatibilitā

Articolo 11 - Corsi a tempo pieno - Incompatibilitā

(Decreto del Ministero della salute, 7 marzo 2006)

1. Il corso č strutturato a tempo pieno. La formazione a tempo pieno implica la partecipazione alla totalitā delle attivitā mediche del servizio nel quale si effettua la formazione, comprese le guardie, in modo che il medico in formazione dedichi a tale formazione pratica e teorica tutta la sua attivitā professionale per l'intera durata della normale settimana lavorativa e per tutta la durata dell'anno. Conseguentemente, č inibito al medico in formazione l'esercizio di attivitā libero-professionali ed ogni rapporto convenzionale, precario o di consulenza con il Servizio sanitario nazionale o enti e istituzioni pubbliche o private, anche di carattere saltuario o temporaneo. Durante la frequenza del corso č, altresė, esclusa la contemporanea iscrizione o frequenza a corsi di specializzazione o dottorati di ricerca, anche qualora si consegua tale stato successivamente all'inizio del corso di formazione specifica in medicina generale. A tal fine e prima dell'inizio dei corsi di formazione, le regioni o province autonome provvedono a far sottoscrivere a tutti i tirocinanti dichiarazioni sostitutive di atto notorio ai sensi della legge 4 gennaio 1968, n. 15, e successive modificazioni, attestanti la non sussistenza di cause di incompatibilitā ovvero dichiarazioni di rinuncia ai suddetti rapporti incompatibili.

2. Ai sensi dell'art. 19, comma 11, della legge n. 448 del 28 dicembre 2001, ai medici in formazione sono consentite - unicamente nei casi di accertata carente disponibilitā dei medici giā iscritti nei relativi elenchi regionali per la medicina convenzionata e purchč compatibili con lo svolgimento dei corsi stessi - le sostituzioni a tempo determinato di medici di medicina generale convenzionati con il Servizio sanitario nazionale, nonchč le sostituzioni per le guardie mediche notturne, festive e turistiche. Nel conferimento dei suddetti incarichi, č fatto onere alle regioni ed alle province autonome di verificare preventivamente l'effettiva sussistenza dello stato di carenza.

3. Nell'ipotesi di sostituzione del medico di medicina generale convenzionato con il Servizio sanitario nazionale, non č consentita la sostituzione del proprio tutor.

4. Il carattere eccezionale della deroga di cui al citato art. 19, comma 11, legge n. 448/2001 esclude la possibilitā di estendere la stessa ad altri rapporti di lavoro di tipo convenzionali. In presenza di accertata incompatibilitā ne consegue l'espulsione del medico tirocinante dal corso.

5. La frequenza al corso non comporta l'instaurazione di un rapporto di dipendenza o di lavoro convenzionale con il Servizio sanitario nazionale nč con i medici tutori.

6. Il medico in formazione, ove sussista un rapporto di pubblico impiego č collocato, compatibilmente, con le esigenze di servizio, in posizione di aspettativa senza assegni secondo le disposizioni legislative contrattuali vigenti. Il periodo di aspettativa č utile ai fini della progressione di carriera e del trattamento di quiescenza e di previdenza.


articolo precedente // articolo successivo