DMS 30.12.04 - premessa

Premessa

(Decreto del Ministero della salute, 30 dicembre 2004)

IL MINISTRO DELLA SALUTE

Vista la legge 14 dicembre 2000, n. 376, recante «Disciplina della tutela sanitaria delle attivitą sportive e della lotta contro il doping» ed in particolare l'art. 3, comma 1, lettera b), che prevede che la Commissione per la vigilanza ed il controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attivitą sportive «determina, anche in conformitą delle indicazioni del CIO e di altri organismi ed istituzioni competenti, i casi, i criteri e le metodologie dei controlli antidoping..., tenuto conto delle caratteristiche delle competizioni e delle attivitą sportive stesse»;

Visto il decreto 12 marzo 2001, recante «Composizione della Commissione per la vigilanza ed il controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attivitą sportive» e successive modifiche ed integrazioni;

Visto il decreto 31 ottobre 2001, n. 440, recante «Regolamento concernente l'organizzazione ed il funzionamento della Commissione per la vigilanza ed il controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attivitą sportive» ed in particolare l'art. 4;

Visto l'art. 4, comma 1, lettera a), del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;

Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante «Codice in materia di protezione dei dati personali»;

Visto il proprio decreto 7 agosto 2002 recante «Norme procedurali per l'effettuazione dei controlli anti-doping e per la tutela della salute, ai sensi dell'art. 3, comma 1, della legge 14 dicembre 2000, n. 376»;

Considerata la necessitą di adeguare le norme procedurali alle disposizioni introdotte dal predetto decreto legislativo 196/2003 nonchč di prevedere le disposizioni tecniche per l'effettuazione di controlli antidoping per la rilevazione di rhuEpo e/o suoi analoghi nelle urine;

Vista la proposta della Commissione per la vigilanza ed il controllo sul doping e per la salute nelle attivitą sportive espressa in data 21 dicembre 2004;

Decreta:


articolo successivo