Legge 388/00 - articolo 88: disposizioni per l'appropriatezza nell'erogazione dell'assistenza sanitaria

Articolo 88 - Disposizioni per l'appropriatezza nell'erogazione dell'assistenza sanitaria

(Legge n°388, 23 dicembre 2000)

1. Nella definizione delle tariffe delle prestazioni di assistenza ospedaliera, le regioni ove siano assicurati adeguati programmi di assistenza domiciliare integrata e centri residenziali per le cure palliative inseriscono un valore soglia di durata della degenza per i ricoveri ordinari nei reparti di lungodegenza, oltre il quale si applica una riduzione della tariffa giornaliera, fatta salva la garanzia della continuitā dell'assistenza. Il valore soglia č fissato in un massimo di sessanta giorni di degenza; la riduzione tariffaria č pari ad almeno il 30 per cento della tariffa giornaliera piena.

2. Al fine di realizzare gli obiettivi di cui all'articolo 72, comma 3, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, secondo criteri di appropriatezza, le regioni assicurano, per ciascun soggetto erogatore, un controllo analitico annuo di almeno il 2 per cento delle cartelle cliniche e delle corrispondenti schede di dimissione in conformitā a specifici protocolli di valutazione. L'individuazione delle cartelle e delle schede deve essere effettuata secondo criteri di campionamento rigorosamente casuali.
(modificato dall'articolo 79, comma 1-septies, del DL 112/08 come modificato dalla legge di conversione - ndr)

3. Le regioni applicano abbattimenti sulla remunerazione complessiva dei soggetti erogatori presso i quali si registrino frequenze di ricoveri inappropriati superiori agli standard stabiliti dalla regione stessa.


articolo precedente // articolo successivo