contratto dirigenza medica 98-01 - articolo 38

Articolo 38 - Norma transitoria per i dirigenti giÓ di II livello

(Contratto dirigenza medica/veterinaria 98-01)

1. Per i dirigenti medici e veterinari di ex II livello - anche ad incarico quinquennale - in servizio al 31 luglio 1999 ovvero assunti anche successivamente come tali o come responsabili di struttura complessa a seguito di avviso giÓ pubblicato - ai sensi della disposizione transitoria contenuta nell'art. 17 comma 2  del d.lgs. 229/1999 - in Gazzetta Ufficiale entro il 31 luglio 1999 nonchŔ per i dirigenti di ex II livello che abbiano positivamente superato la verifica di cui all'art. 30, il trattamento economico stipendiale per dodici mensilitÓ - dal 1 agosto 1999 - Ŕ cosi articolato:

  1. stipendio tabellare annuo lordo nella misura stabilita dall'art.36 comma 4 di L. 37.632.000;

  2. assegno personale annuo lordo pensionabile e non riassorbibile di L. 13.263.000, pari alla differenza tra gli stipendi tabellari indicati nei commi 3 - primo alinea - e 4 dell'art. 36 e comprensivo della differenza tra il valore dell'indennitÓ integrativa dei dirigenti di ex II livello pari a L. 14.783.000 e quella fissata dall'art. 37. L' assegno Ŕ corrisposto per tredici mensilitÓ.

2. L'indennitÓ di specificitÓ medica per i dirigenti di cui al comma 1 Ŕ confermata nel valore di L. 20.000.000 a titolo personale e non riassorbibile.

3. Ai dirigenti giÓ di II livello assunti con incarico quinquennale ai sensi del previgente art. 15 del dlgs 502/1992 ed a quelli che avevano optato per tale incarico, viene confermato a titolo personale lo specifico trattamento economico in atto goduto con le medesime caratteristiche e natura previste dall' art. 58 del CCNL 5 dicembre 1996, fatta salva l'applicazione dell'art. 34.

4. Le garanzie dei commi 1 e 2 operano nei confronti dei medesimi dirigenti anche nel caso di loro assunzione - senza soluzione di continuitÓ - per conferimento di incarico di direzione di struttura complessa in altra azienda successivamente all'entrata in vigore del presente contratto. In tal caso non viene corrisposta l'indennitÓ di cui all'art. 40.

5. All'atto della cessazione dal servizio, l'assegno di cui al comma 1 lettera b) e le voci del trattamento economico dei commi 2 e 3 - nella misura intera in ragione d'anno - confluiscono nel fondo dell'art. 50. Tale norma si applica anche per le risorse lasciate disponibili per posti resisi vacanti dall'1 gennaio 1998. Le risorse giÓ destinate allo specifico trattamento di cui al comma 3, per i dirigenti di struttura complessa indicati nell'art. 30, la cui domanda di opzione per l'incarico quinquennale fosse ancora in corso al 31 luglio 1999, al superamento della verifica, sono finalizzate, nella misura minima lorda annua di L. 3.230.000, all'incremento della retribuzione di posizione - parte variabile - con decorrenza dalla data di superamento della verifica stessa, nei limiti della disponibilitÓ del fondo di cui all'art. 50. Qualora, invece, l'azienda abbia attribuito ai dirigenti dell'art. 30 l'incarico quinquennale dopo il 31 luglio 1999, corrispondendo lo specifico trattamento economico, esso rimane consolidato nella retribuzione di posizione - parte variabile - nella misura minima e, per la parte eccedente, viene riassorbito con i successivi incrementi della stessa, a condizione che il dirigente chieda e superi la verifica di cui all'art. 30.
(modificato dall'art. 8, comma 1, lettera b), del provvedimento ARAN pubblicato su GU del 6.3.01)

6. Ai dirigenti con incarico di direzione di struttura complessa assunti con avviso pubblicato in G.U. dopo l'entrata in vigore del dlgs. 229/1999, il trattamento economico viene rideterminato ai sensi degli artt. 36, comma 4 e 37, senza assegni personali e senza lo specifico trattamento economico di cui al comma 3 con l'attribuzione dell'indennitÓ prevista dall'art. 40.

7. L'art. 58 del CCNL del 5 dicembre 1996 Ŕ disapplicato.


articolo precedente // articolo successivo