Circolare ASS 4 Medio Friuli

19.09.02; prot. 63553/C; da: Direzione Sanitaria 

Referenti: dott. Paolo Franz, IPAFD sig.a Lucia Stroili

Oggetto: indicazioni operative per applicazione Livelli Essenziali di Assistenza (LEA)

Ai Sigg. Medici di Assistenza Primaria

Ai Sigg. Medici Pediatri di Libera Scelta

Ai Sigg. Medici di Continuità Assistenziale

e p.c.

Ai Responsabili dei Distretti Sanitari

Facendo seguito alla precedente nota n. 57704/A dd. 23.08.2002, in considerazione della particolare complessità della materia e al fine di garantire uniformità nell'ambito aziendale, si forniscono le seguenti indicazioni operative in merito alle disposizioni riferite ai Livelli Essenziali di Assistenza contenute nella delibera n. 2747 dd. 29.07.2002 della Giunta Regionale "Provvedimenti urgenti in materia "sanitaria".

1. Prestazioni totalmente escluse dai Livelli Essenziali di Assistenza

1. chirurgia estetica non conseguente ad incidenti, malattie o malformazioni congenite;

2. circoncisione rituale maschile;

3. medicine non convenzionali:

4. vaccinazioni non obbligatorie in occasione di soggiorni all'estero;

5. le seguenti prestazioni di medicina fisica, riabilitativa ambulatoriale (in ordine alfabetico):

Per consentire un'agevole individuazione dell'erogabilità o meno, a carico del S.S. R., delle numerose tipologie di prestazioni di medicina fisica e riabilitazione, è stato predisposto l'elenco che si trasmette in allegato (v. Allegato 1).

Le prestazioni sopra riportate, a decorrere dal 1° settembre 2002, non possono più essere erogate a carico del Servizio Sanitario Regionale né da parte delle strutture sanitarie pubbliche né da parte delle strutture sanitarie private accreditate.

Per eventuali prescrizioni in regime libero-professionale, a totale carico del paziente, dovrà essere utilizzato il ricettario privato.

Sulla base di specifica disposizione regionale, le prestazioni prenotate entro il 31.8.2002 e non erogate o non totalmente erogate entro tale data permangono a carico del Servizio Sanitario Regionale fino ad esaurimento delle prestazioni.

2. Prestazioni parzialmente escluse dai LEA in quanto erogabili solo secondo specifiche indicazioni cliniche

1. Dal 1° settembre 2002 le prestazioni di medicina fisica. riabilitativa ambulatoriale elencate di seguito (in ordine alfabetico) sono erogabili a carico del Servizio Sanitario Regionale esclusivamente a favore di pazienti per i quali ricorrano le seguenti indicazioni cliniche:

a) elettroterapia antalgica, indicata dal Tariffario Regionale come:

indicazioni cliniche:

b) esercizio assistito in acqua, indicato dal Tariffario Regionale come: 

indicazioni cliniche: l'esercizio assistito in acqua è erogabile limitatamente a menomazioni - disabilità secondarie relative a:

c) laserterapia antalgica cod. 99.99.1

indicazioni cliniche:

d) mesoterapia cod. 99.29.7

Indicazioni cliniche:

e) ultrasuonoterapia cod. 93.39.9

indicazioni cliniche:

Qualora il paziente, su prescrizione del MMG o del PLS si rivolga agli specialisti Fisiatri dell'ASS n. 4, gli stessi, in presenza delle indicazioni cliniche previste, provvederanno direttamente alla prescrizione delle prestazioni erogabili apponendo sull'impegnativa del S.S.R. la sigla "LEA-2B", senza rinviare il paziente al MMG o al PLS.

Se la visita specialistica viene effettuata, in regime di accreditamento, presso le strutture sanitarie private, dal momento che le stesse non dispongono del ricettario del S.S.R., si rende indispensabile il rinvio al M.M.G. o al P.L.S.; lo specialista, oltre al referto della visita, in presenza delle indicazioni cliniche previste provvederà alla compilazione del modulo appositamente predisposto (v. Allegato 2).
A fronte di detta documentazione, il M.M.G. o il P.L.S, se lo riterrà opportuno, rilascerà la prescrizione sull'impegnativa del S.S.R, apponendo la sigla "LEA-2B" ed allegando il modulo.

Dal 1° settembre, per i pazienti per i quali non sussistono le indicazioni cliniche sopra richiamate, le prestazioni di elettroterapia antalgica, esercizio assistito in acqua, laserterapia antalgica, mesoterapia, ultrasuonoterapia non possono più erogate a carico del Servizio Sanitario Regionale né da parte delle strutture sanitarie pubbliche né da parte delle strutture sanitarie private accreditate, e conseguentemente non possono più essere prescritte utilizzando il ricettario del SSR.

2. Dal 1° settembre 2002 la çhirurgia refrattiva con laser ad eccimeri è erogabile a carico del Servizio Sanitario Regionale solamente a favore di pazienti con anisometropia grave o che non possono portare lenti a contatto o occhiali.
Conseguentemente per tutti i pazienti che non rientrano in dette indicazioni la chirurgia refrattiva con laser ad eccimeri è erogabile solamente in regime libero-professionale, a totale carico del paziente. 

3. Dal 1° settembre 2002 la densitometria ossea è erogabile a carico del Servizio Sanitario Regionale solamente secondo le seguenti specifiche indicazioni cliniche:

"L'esame è considerato appropriato quando il risultato serve per prendere decisioni riguardo alla terapia, tenendo conto anche della vigente normativa sui farmaci (note CUF).
L'indagine erogabile a carico del SSR è la densitometria ossea con tecnica di assorbimento a raggi X (lombare, femorale), codice del nomenclatore tariffario regionale 88.99.2, a favore di pazienti nelle seguenti condizioni:

a) Pazienti in trattamento corticosteroideo prolungato in atto (=> 7,5 mg. di prednisone/die o dosi equivalenti di altri corticosteroidi per più di sei mesi).
Eventuale esame di controllo a non meno di sei mesi di distanza dal precedente.

b) Donne in post-menopausa che non siano già in terapia ormonale sostitutiva e che abbiano almeno un fattore di rischio aggiuntivo:

Eventuale esame di controllo a non meno di due anni di distanza dal precedente." 

Il MMG e il PLS o gli specialisti rilasceranno la prescrizione, riportando le indicazioni cliniche direttamente sull'impegnativa o potranno utilizzare l'apposito modulo (v. Allegato 3), apponendo in entrambi i casi sull'impegnativa la sigla "LEA-2B"

A seguito dell'entrata in vigore delle sopra richiamate disposizioni regionali, non è più possibile prescrivere a carico del Servizio Sanitario Regionale, le seguenti densitometrie ossee:

3. Altre disposizioni regionali relative a prestazioni erogabili

1. Per quanto riguarda l'assistenza odontoiatrica la stessa continua ad essere erogata a carico del Servizio Sanitario Regionale, secondo quanto previsto dalla normativa vigente nella Regione Friuli-Venezia Giulia prima del DPCM dd. 29.11.2001 (approvazione LEA). 

2. Per quanto riguarda le certificazioni mediche viene mantenuta inalterata la regolamentazione vigente nella Regione Friuli-Venezia Giulia (allegato n.1 della delibera G.R. n. 2747 dd. 29.07.2002).

3. Tutte le prestazioni di medicina fisica, riabilitativa ambulatoriale incluse nel "Tariffario regionale per l'anno 2002 per le prestazioni specialistiche ambulatoriali erogabili da parte delle strutture pubbliche e da parte delle strutture private temporaneamente accreditate" (approvato con DGR n. 150 dd. 22.01.2002) e non indicate specificamente tra le prestazioni totalmente o parzialmente escluse dai LEA (precedenti punti A e B) continuano ad essere erogate a carico del Servizio Sanitario Regionale, secondo quanto previsto dalla normativa vigente nella Regione Friuli-Venezia Giulia prima del DPCM dd. 29.11.2001.

Si coglie l'occasione per ricordare la necessità di un puntuale rispetto delle disposizioni nazionali e regionali sul numero massimo di cicli per impegnativa e sul numero massimo di sedute per ciclo.

Si confida nella più ampia collaborazione delle SS.LL. per superare questo difficile e delicato momento di riorganizzazione del Servizio Sanitario Regionale e ridurre, per quanto possibile, il disagio a carico dei pazienti.

Cordiali saluti
Il Direttore Sanitario
Dr. Andrea Luigi Collareta