Decreto Legislativo 368/99 - articolo 24

 

Articolo 24

(Decreto Legislativo n°368, 17 agosto 1999)

1. Il diploma di cui all'articolo 21 si consegue a seguito di un corso di formazione specifica in medicina generale della durata di due anni ed č riservato ai laureati in medicina e chirurgia, abilitati all'esercizio professionale e non ai possessori di diploma di specializzazione di cui all'articolo 20, o di diploma in formazione specifica in medicina generale o di dottorato di ricerca.
(vedi sentenza della Corte Costituzionale 219/02; sostituito dall'articolo 9, comma 1, lettera h), sub 1) del decreto legislativo 277/03 - ndr)

2. Il corso, comporta un impegno a tempo pieno dei partecipanti con obbligo della frequenza alle attivitā didattiche pratiche e teoriche. Il corso si conclude con il rilascio di un diploma di formazione in medicina generale da parte degli assessorati regionali alla sanitā, conforme al modello predisposto con decreto del Ministro della sanitā.
(valutazione da parte della Corte Costituzionale, sentenza 3 del 14.12.01; sostituito dall'articolo 9, comma 1, lettera h), sub 2) del decreto legislativo 277/03 - ndr)

(introdotti vari commi dall'articolo 9, comma 1, lettera h), sub 3) del decreto legislativo 277/03 - ndr)

3. Per la durata della formazione a tempo pieno al medico č inibito l'esercizio di attivitā libero-professionale ed ogni rapporto convenzionale o precario con il servizio sanitario nazionale o enti e istituzioni pubbliche e private. La frequenza del corso non comporta l'instaurazione di un rapporto di dipendenza o lavoro convenzionale nč con il Servizio sanitario nazionale, nč con i medici tutori.
sostituito dall'articolo 9, comma 1, lettera h), sub 4) del decreto legislativo 277/03 - ndr)

4. Il medico iscritto ai corsi di cui al comma l, ove sussista un rapporto di pubblico impiego, č collocato, compatibilmente con le esigenze di servizio, in posizione di aspettativa senza assegni secondo le disposizioni legislative contrattuali vigenti. Il periodo di aspettativa č utile ai fini della progressione di carriera e del trattamento di quiescenza e di previdenza.

5. Gli impedimenti temporanei superiori ai quaranta giorni lavorativi consecutivi per servizio militare, gravidanza e malattia, sospendono il periodo di formazione, fermo restando che l'intera sua durata non č ridotta a causa delle suddette sospensioni. Restano ferme le disposizioni in materia di tutela della gravidanza di cui alla legge 30 dicembre 1971, n. 1204, e successive modificazioni, nonchč quelle sull'adempimento del servizio militare di cui alla legge 24 dicembre 1986, n. 958, e successive modificazioni.

6. Non determinano interruzione della formazione, e non devono essere recuperate, le assenze per motivi personali, preventivamente autorizzate salvo causa di forza maggiore, che non superino trenta giorni complessivi nell'anno di formazione e non pregiudichino il raggiungimento degli obiettivi formativi. In tali casi non vi č sospensione della borsa di studio.


articolo precedente // articolo successivo